venerdì 16 luglio 2010

Solitudine fa rima con…?

La tanto agognata indipendenza gioca degli scherzetti niente male: torni a casa e, come per incanto, nessuno ti aspetta, nessuno ti ascolta, nessuno ti parla. Quando poi ti accorgi di accendere il televisore solo per rompere il silenzio della casa e avere compagnia, allora sei fritto: benvenuta maledetta solitudine! […] La solitudine è da mettere in conto, soprattutto in età adulta e con una gran voglia di seguire un nuovo percorso. Crescendo, ognuno di noi la vive, la interpreta, la rappresenta o la immagina a suo modo. Ho capito che è importante imparare a gestirla, assegnarle un significato, perché contiene in sé componenti positive: se la si sa cavalcare, può rappresentare un lasciapassare per la felicità, che concede uno spazio di tempo per guardarsi e riconoscersi, per riflettere e ricalcolare la propria individualità. Anche se a volte fa male, bisogna vederla come un riposo del guerriero che, al riparo da tutto e da tutti, fa germogliare in sé le strategie per la lotta quotidiana. Ma ci vuole molta pazienza”.
Da Greta Parlante.

A volte penso a tutte le energie sprecate per scacciare la solitudine. Troppo spesso vista come una “bestia nera”. E se provassimo a rivalutarla?

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...